In questa sezione puoi trovare la storia della pallacanestro e delle nazionali italiane, oltre a testimonianze e aneddoti di ex giocatori, addetti ai lavori e appassionati.

Testimonianze


Dal 1950 al 1961: la Comense di Garbosi e l'arrivo della Standa

 

Dal 1950 al 1953 il titolo fu vinto dalla Comense allenata da Enrico Garbosi: nella squadra militò una grande protagonista della storia della pallacanestro Italiana, Liliana Ronchetti detta Lilly. 

La formazione della Comense Campione d’Italia 1950 era composta da Alchieri Ornella 0, Anna Branzoni 36, Ornella Buttini 61, Casartelli 0, Cerutti 0, Favoni 2, Giordano 20, Guidi 43, Ponzoni 14,  Franca Ronchetti 33, Liliana Ronchetti 134, Idelma Tommasini 76.

Nel campionato 1949-50 arrivò seconda l'Indomita Roma e terza la Bernocchi Legnano, poi Ginnastica Triestina, Ardita Genova, Internazionale Trieste, Napoli e Sipra Torino.

Leader della squadra lariana, fu Liliana Ronchetti detta Lilly, che vinse più volte la classifica dei marcatori e segnò in un incontrò di campionato 51 punti. Lilly giocò anche nell'Autonomi Torino, nel C.U.S. Milano, nella Standa Milano dal 1958 al 1965, nella Zaiss Milano e terminò la carriera in Svizzera. Dal 1975 la “Coppa di Eurolega” femminile è diventata "Coppa Ronchetti" in suo omaggio, essendo Lilly prematuramente scomparsa.

La stagione successiva ci fu il bis della Comense con Lilly che tenne una media di 16 punti a partita!. Senoda fu ancora l'Indomita Roma poi G. Triestina, Reyer Venezia, Bernocchi Legnano, Ardita Genova, Virtus Lucca e Sipra Torino.

La formazione della Comense Campione d'Italia 1951 era composta da Alchieri 10, Branzoni 60, Ornella Buttini 105, Ceruti 4, Giordano 8,Guido 28,Pelloli 1, Franca Ronchetti 47, Liliana Ronchetti 235, Santoro 56, Idelma Tommasini 166.

Non c'è due senza tre, la Comense trionfò anche nel 1952-53, davanti alla Ginnastica Triestina, Reyer, Indomita, Bernocchi, Faenza, Sipra e Napoli.

La formazione della Comense Campione d'Italia 1952 era composta da: Branzoni 53,  Ornella Buttini 127, Cerutti 4, Guidi 16, Pelloli 6, Franca Ronchetti 101, Liliana Ronchetti 280, Santoro 74, Idelma Tommasini 154, Favoni 2.

La squadra di Garbosi non si accontentò e fece poker seguita dalla Bernocchi di Vittorio Tracuzzi, Ginnastica Triestina, Pavia, Autonomi Torino, Omsa Faenza, Pirelli Milano e Sanremo. Lilly marcò 313 punti, un enormità per l'epoca.

La formazione della Comense Campione d'Italia 1953 era composta da Alchieri 14, Branzoni 6, Cerutti 4, Favoni 2, Giordano 8, Ortobelli 29, Pellioli 4, Franca Ronchetti 91, Liliana Ronchetti 313, Santoro 64, Serpellon 206.

Nel 1953-54 vinse la Bernocchi Legnano l'anno prima si era permessa il lusso di ingaggiare come allenatore Vittori Tracuzzi, ex selezionatore della Nazionale maschile e che successivamente vinse tre scudetti, due con la Virus Bologna ed uno a Varese. Nonostante i 23 punti a partita della Ronchetti la Comense non andò oltre il secondo posto. Si classifficarono poi Autonomi, Omsa, Fiamma Udine, G. Triestina, ATM Sempione Milano, Sanremo e Pirelli Milano.

La formazione della Bernocchi Campione d’Italia 1954 era composta da Agosto 5, Licia Bradamante155, Marisa Caciolli 51, Cozzi 7, Maria Pia Mapelli 36, Ilena Pasquali 172, Licia Pasquali 54, Pellegrini 2, Rossana Serafini 90, Soldo 34, Idelma Tommasini 131.

La Bernocchi triofò anche nel 1954-55 davanti a: Autonomi, Omsa, G. Triestina, Comense , Udinese, Cestistica Bologna, ATM Sempione Milano.

Bernocchi campione d'italia 1955: Agosto 12, Bondielli 14, Bradamante 200, Bugatti 2, Colombo 0, Cozzi 3, Mapelli 100,  Pasquali I.164 e L.45 , Pellegrini M. 2e W.0, Soldo 55 e Tommasini 132 all.  Virginio Zucchi.

Vincitrice della classifica marcatori fu Anna Fanchini della Omsa Faenza con 139 punti.

Nella stagione  1955-56 la F.I.P. aprì al tesseramento di giocatrici straniere, ne approfittarono solo l'Omsa Faenza che ingaggiò la danese Tove Chistiensen e il Fiat con la slava Ozigrovic. Il campionato lo vinse la Ginnastica Triestina davanti a Autonomi, Bernocchi , Omsa, Fiat, Ozo Milano, Udinese, ceststica Bologna.La classifica marcatori vide primeggiare la faentina Fanchini che tenne una media di 26 punti.

La formazione della Ginnastica Triestina Campione d’Italia 1956 era composta da Maria Benevol 0, Marisa Magris 155, Maraspin 17, Martinoli 170, Liana Nunzi 107, Nicoletta Persi 99, Prennushi 9, Sossi 1,  Relli, Mirella Tarabocchia 170, Laura Vascotto128, Zidane1, all Ghietti e Guarini.

La stagione 1956-57  vide l'abbandono  delle competizioni della Bernocchi e il debutto in serie A della Standa Milano, che si salvò a malapena. La Ginnastica Triestina rivinse il campionato superando di un solo punto l'A.P. Udine, a seguire Omsa, Autonomi, Fiat, CCM Trieste, Standa e Maurolico Messina. La Fanchini si confermò miglior marcatrice con una sbalorditiva media di 26 punti.

La formazione della Ginnastica Triestina Campione d’Italia 1957 era composta da Benevol 0, Marisa Magris 148, Maraspin 14, Liana Nunzi 111, Nicoletta Persi 103, Imelda Prennushi 105, Sossi 4, Mirella Tarabocchia 243, Laura Vascotto 134, all. Guarini e Ghietti.

La formazione della Ginnastica Triestina abbinata Stock si confermò Campione d’Italia 1958 davanti nell'ordine a Udinese, Fiat, Omsa, Autonomi, Chlorodont Milano, Standa, CCM, e Messina. La Stock era composta da Maria Benevol 5, Bettoso 12, Marisa Magris 160, Maraspin 45, Nunzi 78Imelda Prennushi 111, Mirella Tarabocchia 278, Tonini 15, G. Vascotto 6, Laura Vascotto 188. Allenatore: Ghietti.  Nell'Autonomi Torino giocò la francese Madeleine Cator. La Bradamante ( Udinese) fu la miglior realizzatrice con 354 punti.

Il campionato 1958-59 se lo aggiudicò l' A.P. Udine, grazie all'apporto della straniera, la jugoslava Kalusevic. La grande favorita era la Standa che aveva acquistato per mezzo milione di lire Lilly Ronchetti ed ingaggiato la slava Prelevic che però non è tornata a Milano dopo le vacanze natalizie. Tarabocchia (Block) con 343 punti vinse la classifica marcatori. In classifica dietro l'A.P. Udine si classificarono Stock, Standa, Fiat, Talmone Torino, Lubiam mantova, Omsa, Ozo Milano, Autovox Roma e S. Marinella.

La formazione dell’A.P. Udine Campione d'Italia 1959 era composta da Baroni 0, Licia Bradamante 310, De Santis 14, Kalusevic 310, Nidia Pausich 143, Penso 29, Nicoletta Persi 72, Rattin 0, Trieb 52, Franca Vendrame 136, S. Vendrame 23, all. Giovanni Bertoldi.

L'A.P. Udine non ha rivali alla sua altezza nella stagione 1959-60. Liliana Ronchetti tornò a vincere la classifica dei marcatori con 328 punti, ma la Standa allenata da Anna Branzoni deluse grandemente. In classifica finale dopo l'A.P. Udine figurarono: Stock, Standa, Ozo, Fiat, Omsa, Talmone, Fontana, Montecatini e Lubiam.

La formazione dell’A.P. Udine Campione d'Italia 1960 era composta da Licia Bradamante 310, De Santis 17, Marisa Geroni 112, Lunazzi 5, Nidia Pausich 155, Penso 39, Nicoletta Persi 124, Rattin 0, Franca Vendrame 163, S. Vendrame51, all. Cerbon.

La vincitrice del campionato, che fu diviso in fasi e gironi, per la prima volta, ebbe il diritto di disputare la Coppa dei Campioni la stagione successiva. Punti di forza della A.P. Udine furono tre giocatrici tra le più grandi di tutti i tempi: Nidia Pausich, Nicoletta Persi e Marisa Geroni. L' A.P. Udine primeggiò davanti a Fiat Torino, Standa Milano e Fontana Bologna nell'ordine.

La formazione dell’A.P. Udine Campione d'Italia 1961 era composta da Licia Bradamante, Cestari, De Santis, Marisa Geroni, Lunazzi, Nidia Pausich, Penso, Rigo, Franca Vendrame, S. Vendrame.

1950: Bernocchi Legnano contro Pisa. Tiro libero come si usava un tempo.

Comense campione d'Italia 1953. Si riconoscono L.Ronchetti, Branzoni, Serpelon, Cipriani, Ceruti Ortobelli; Giordano, F.Ronchetti, Santoro, Alchieri.

La formazione della Necchi Pavia terza classificata nel 1953

Bernocchi Legnano, campione d'Italia femminile 1954 e 1955

La formazione della Bernocchi Legnano Campione d'Italia 1955

Omsa Faenza terza classificata nel 1957

La Ginnastica Triestina Campione d’Italia 1957.

La formazione della Maurolico Messina che nel 1957 arrivò ultima in classifica

La formazione della Stock Treste Campione d'Italia 1958

La formazione di Udine Campione d’Italia nel 1960 formata da Tarabocchia, Nunzia, Guarini, Ghietti, Benevol (in piedi), Zidane, Sossi, Persi, Martinoli, Maraspin, Magris e Vascotto.